Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email all'indirizzo edomed94@gmail.com Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.


Non smettete mai di protestare; non smettete mai di dissentire, di porvi domande, di mettere in discussione l’autorità, i luoghi comuni, i dogmi. Non esiste la verità assoluta. Non smettete di pensare. Siate voci fuori dal coro. Un uomo che non dissente è un seme che non crescerà mai.

(Bertrand Russell)

29/10/14

Metro Roma, come ti rubano il portafogli. VIDEO di Striscia la notizia ... segue un articolo di Elena Panarella per il Messaggero: Zingari intoccabili, nullatenenti con milioni, basi nei campi del Comune




 
ROMA – Striscia la Notizia ha trasmesso un nuovo servizio di Jimmy Ghione impegnato in un’inchiesta sulla sicurezza di Roma. Il giornalista ha documentato l’attività delle borseggiatrici nella metro della Capitale.
Jimmy Ghione si è occupato dei furti che avvengono nella metro di Roma, svelando le tecniche diffuse tra le giovani borseggiatrici e mostrando che alla stazione Colosseo, linea B, c’è un vero e proprio cimitero della refurtiva abbandonata dai ladri in cui si possono trovare borse, portafogli, carte di credito e documenti.
Una delle tecniche più comuni tra le borseggiatrici è bloccare le porte dei vagoni, non permettendo così alla metro di ripartire, creare caos tra i passeggeri e nel mentre mettere a segno il colpo.

Red. Blitz - 29 ottobre 2014
fonte: http://www.blitzquotidiano.it


Il video di Striscia:


video




Roma. Zingari intoccabili, nullatenenti con milioni, basi nei campi del Comune




ROMA – Gianfranco Crimi, vigile della squadra speciale di Roma, intervistato da Elena Panarella del Messaggero, ha svelato il mistero dell’abbandono della città in mano agli zingari:
“Gli agenti vengono impiegati altrove. Le bande arrivano dai campi nomadi dove ora manca pure la vigilanza interna. Risultano tutti nullatenenti. Nessuna casa o terreno, neanche un’auto di proprietà e, naturalmente, nessuna fonte di reddito. Una condizione che ha permesso loro di usufruire dell’assistenza alloggiativa gratuita nei villaggi attrezzati del Comune. Ma dietro a quello status di indigenti, autocertificato nero su bianco, spesso si nascondono anche conti correnti e proprietà. Ed è proprio ad alcune di queste famiglie che fanno capo decine di baby borseggiatrici in azione sulle metropolitane e nelle stazioni. A gestirle c’è una vera e propria organizzazione (quasi sempre parentale)”.
Base di partenza degli zingari sono proprio quei “villaggi attrezzati”, da cui sembrano inamovibili, sempre grazie alla acquiescenza del Comune:
“Castel Romano ha la quasi esclusività dei fenomeni relativi al borseggio, il campo di Candoni ha nella maggior parte dei casi l’esclusività dei fenomeni di accattonaggio con minori, insomma una sorta di divisione delle competenze. Salone invece è dedito ai reati ambientali. In una recente operazione portata a termine dagli uomini del I gruppo Prati e da quelli dello Spe è addirittura emerso che alcune ragazzine di età inferiore ai 14 anni (e perciò non incriminabili) provenienti sempre dal campo sulla Pontina hanno numerosi precedenti per furto nelle stazioni ferroviarie di Termini, Firenze, Bologna, Padova e Venezia”.
Gianfranco Crimi, dirigente sindacale Ugl, è in forza presso il reparto di polizia giudiziaria I Prati di Roma:
“Fino allo scorso febbraio c’è stata una serie di operazioni che hanno portato all’identificazione di oltre 150 ragazze e ragazzi, numerosi arresti a carico dei maggiorenni, e decine e decine di minori accompagnati presso le case famiglia (utilizzando l’articolo 403 del codice civile inerente lo stato d’abbandono). Senza dimenticare i tantissimi interventi dei carabinieri e della polizia. La ricetta per quanto riguarda la polizia locale era stata trovata: uomini esperti dello Spe (sicurezza pubblica emergenziale) affiancando altri Gruppi riuscivano ad arginare bene il fenomeno. Conoscevano perfettamente le loro facce e sapevano con estrema precisione dove beccarle con le mani nel sacco”.
Tutto questo ora è svanito e viene da pensare che risponda a una precisa scelta politica, nella Roma di Ignazio Marino e Luigi Nieri che premia l’illegalità:
” Purtroppo da alcuni mesi a questa parte questi interventi non vengono più fatti. Forse anche a causa del fatto che gli stessi uomini oggi vengono impiegati in piazza Navona al posto degli agenti del Primo Gruppo Trevi (che avrebbe a disposizione oltre settecento persone)”.
Elena Panarella chiede come si svolgevano queste operazioni:
“Si usavano numerose squadre di personale in borghese mescolate tra i viaggiatori in transito nelle stazioni e nelle metropolitane in diretto contatto con il personale di superfice che munito di pattuglie e furgoni era in grado di intervenire in più punti dove venivano localizzate le persone da accompagnare in ufficio”.
Red. Blitz - 23 luglio 2014
fonte: http://www.blitzquotidiano.it

Nessun commento:

Posta un commento