Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email all'indirizzo edomed94@gmail.com Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

28/07/16

Commando suicidi e lupi solitari: la doppia offensiva dello Stato Islamico in Europa





di Claudio Bertolotti
Un anno e mezzo fa, era il 7 gennaio 2015, la violenza-spettacolo del terrorismo di matrice islamista ha fatto il suo ingresso in Europa con l’attacco alla redazione parigina del settimanale satirico Charlie Hebdo: 12 morti e 11 feriti. Sono seguiti, il 13 novembre 2015, i violenti attacchi di Parigi, al teatro “Bataclan”, lo Stade de France di Saint Denis, i bistrò parigini: 130 morti, 368 feriti. Evento rivendicato dallo Stato Islamico (IS). E ancora a Bruxelles, dove il 22 marzo 2016 un commando suicida colpiva l’aeroporto e la linea metropolitana provocando la morte di 32 persone e il ferimento di oltre 250. Anche in questo caso l’azione è stata rivendicata dall’IS. All’aeroporto di Istanbul, ai confini dell’Europa, il 28 giugno un gruppo organizzato suicida ha portato a compimento un attacco strutturato: 45 persone morte e 238 ferite. Attacco riconducibile all’IS.
Oltre ai commando organizzati, una nuova variante del fenomeno della violenza-jihadista è venuto a imporsi in Europa: quello dei cosiddetti “lupi solitari” (“lone wolf”), improvvisati terroristi homemade, ma non per questo meno pericolosi; al contrario, maggiormente insidiosi in quanto difficilmente identificabili. Il 14 luglio, a Nizza, in occasione della festa nazionale, un tunisino di 31 anni residente in Francia ha prima sparato sulla folla per poi scagliarsi con un grosso camion contro i passanti: 84 morti e oltre cento i feriti. L’azione è stata successivamente rivendicata dall’IS. Il 18 luglio seguente, in Germania, un diciassettenne afghano ha aggredito, armato di ascia e coltelli, i passeggeri a bordo di un treno: quattro i feriti, di questi uno in pericolo di vita. L’atto è stato rivendicato, anche in questo caso, dallo Stato Islamico. Il 19 luglio, nelle Hautes-Alpes francesi, un marocchino di 37 anni di religione musulmana, ha accoltellato una donna e le sue tre figlie. Le ragioni sarebbero riconducibili all’abbigliamento della donna e delle sue figlie, non gradito all’aggressore. Il 22 luglio un caso a parte: a Monaco di Baviera, un ragazzo diciottenne, musulmano sciita di origini iraniane, ha sparato all’interno di un centro commerciale provocando la morte di 9 persone e il ferimento di 16.
Due le tipologie di eventi descritte, che sono tra di loro collegate dal fatto di essere state commesse da persone non sempre credenti in nome dell’Islam e contro il modello culturale liberale dell’Occidente.
Le due fasi parallele dell’evoluzione del fenomeno – La prima tipologia di eventi rappresenta lo spartiacque sostanziale nell’evoluzione del fenomeno terroristico contemporaneo – il “Nuovo Terrorismo Insurrezionale” [1] – che evidenzia come il fondamentalismo jihadista – che si diffonde dal Medio Oriente, attraverso il Nord Africa, fino ad arrivare a colpire il cuore dell’Europa – sia una minaccia concreta e crescente, una conseguenza dell’avanzata neo-jihadista dell’IS in combinazione con le dinamiche conflittuali locali (interne all’area MENA) e con il disagio sociale di una parte della comunità musulmana, sia dell’area MENA sia europea, quest’ultima spesso di seconda o terza generazione.
Parliamo di una violenza caratterizzata dall’aver portato a compimento con successo una serie di operazioni coordinate e simultanee. Ciò che è avvenuto è stato un classico esempio di trasferimento di capacità tattica da un teatro operativo a un altro. A differenza però del passato, dove le tecniche, le tattiche e le procedure venivano trasferite dall’Iraq all’Afghanistan, alla Siria o alla Libia, oggi l’evoluzione di una tecnica di combattimento, maturata e collaudata nell’area che va dal sub-continente indiano al Maghreb, si è imposta ovunque in Europa e ai suoi confini.
È la tecnica del “commando suicida”, largamente utilizzata e affinata, che ha fatto la sua comparsa per la prima volta nel 2008 in Afghanistan e di cui l’Autore di questo contributo, per primo, ha trattato nel libro Shahid. Analisi del terrorismo suicida e in altri studi successivi dedicati al fenomeno degli attacchi suicidi, anticipando quegli sviluppi a cui oggi assistiamo.
Oggi, esportando questa tecnica, IS ha dimostrato di essere in grado, direttamente o indirettamente – di minacciare realmente l’Europa e i suoi cittadini e lo ha fatto con propri “combattenti” in grado di costituire nucleo di individui determinati, con adeguato livello di addestramento e coordinamento, con buona capacità operativa in un contesto urbano e un livello di capacità logistica e intelligence adeguato, per quanto minimale. Si tratta di capacità procedurali già applicate in Afghanistan, prima, e nei teatri operativi del cosiddetto “Siraq” (Siria e Iraq) e della Libia, più recentemente.
Elementi caratterizzanti il fenomeno nel suo complesso – Contrariamente a quanto affermano – per ragioni non condivisibili di political-correctness – le autorità, in tutte e due le tipologie di evento descritte è palese il collegamento con il fenomeno dello Stato Islamico. Non si tratta di un legame diretto con l’IS che opera in Siraq, ma alla sua evoluzione in termini di fenomeno culturale, sociale, le cui conseguenze si riversano sul piano operativo (in termini di modus operandi), strategico e comunicativo. Non esistono legami formali, quali ordini gerarchici, piani coordinati a livello centrale; ma si tratta non di meno di legami molto forti, che si spostano sul piano simbolico, ideale, o meglio ideologico. Legami in grado di colmare vuoti, creare senso di appartenenza, rafforzare personalità deboli alla ricerca del riscatto sociale, riempitivi emotivi per soggetti anche patologicamente caratterizzati, frustrati alla ricerca di un proprio io attraverso il nome di Dio. Un bacino potenziale su cui lo Stato Islamico e i suoi reclutatori hanno avuto presa.
Ciò che emerge è che l’evoluzione del fenomeno della violenza-spettacolo ha addirittura portato alla diffusione di uno sviluppo semplificato dello strumento offensivo e nel coinvolgimento di soggetti tipo aventi almeno cinque caratteristiche comuni e caratterizzanti. In breve:
1) Giovane età
2) Residenza/cittadinanza europea
3) Religione musulmana
4) Disadattamento sociale/disturbo psicologico
5) Disponibilità al sacrificio della propria vita (istishhadi, il martirio autonomamente scelto)
E dunque, il fenomeno e la minaccia diretta si sviluppano attraverso definiti fattori in via di evoluzione.
In primis, aumenta la frequenza degli attacchi e il coinvolgimento di musulmani appartenenti alla fascia di età più giovane (in genere sono i giovani a combattere). Ciò può essere letto come sintomo di non riconoscimento all’interno della società che li ospita. Sono soggetti spesso affetti da patologie psichiche, o che si sentono falliti socialmente e moralmente, che tentano, con un ultimo ed estremo gesto, di crearsi uno spazio sociale ed essere accettati dalla comunità dei musulmani. L’imposizione del proprio io, l’identità smaterializzata di questi soggetti, avviene attraverso la morte violenta (elemento comune tra molti attaccanti suicidi, shahid per i musulmani); una morte che è data potenzialmente per certa, ma non in senso assoluto, in quanto manca l’equipaggiamento per procurare la morte auto-indotta (giubbetti o cinture esplosive), a differenza di quanto avviene con per i commando suicidi.
In secondo luogo, vi è l’identificazione dei soggetti come membri del sedicente Stato Islamico e la volontà di riscatto e difesa per l’intera comunità musulmana; questo elemento fa presa prevalentemente sui soggetti precedentemente indicati.
Infine, il meccanismo di emulazione che avviene per “contagio imitativo”, un meccanismo di emulazione indotto dal processo di amplificazione mass-mediatico della notizia attraverso i media tradizionali e il web; ciò tenderebbe a portare all’aumento nella frequenza degli attacchi in seguito ad azioni che hanno ottenuto maggior successo sul piano “tattico” (numero di vittime) e su quello mediatico.
In comune ci sono le motivazioni individuali; o meglio, la giustificazione religiosa, di un Islam travisato e re-interpretato, che ognuno di quei singoli individui ha dato al proprio gesto di violenza. Assassini in nome di un dio, terroristi autodafé i cui gesti hanno avuto eco mondiale.
Gli effetti pratici – Il risultato è un’amplificazione mass-mediatica del messaggio di violenza che capillarmente si diffonde e colpisce potenzialmente ovunque: un circolo vizioso tanto pericoloso quanto vantaggioso per l’opera di marketing, premium branding e franchising dell’IS. Oggi chiunque può appropriarsi del brand IS conducendo operazioni di successo (e solo quelle) e al tempo stesso l’IS trae vantaggio indiscusso dalle azioni portate a termine che rivendica con rapace immediatezza.
Dunque, dire che gli eventi singoli, tra di loro non direttamente collegati e condotti nella maggior parte dei casi da soggetti affetti da psico-patologie, non sono riconducibili è fuorviante. Al contrario, tutti gli eventi sono riconducibili all’IS in quanto tutti i soggetti hanno agito in nome dello Stato Islamico.
Come scrivevo già nel 2015, e qui ribadisco, i punti di forza della minaccia contemporanea del “Nuovo Terrorismo Insurrezionale” si concretizzano nelle adeguate capacità di intelligence, organizzativo-logistica, a cui si uniscono la motivazione e il livello operativo dei foreign fighters “europei”, o di quei militanti infiltrati tra i profughi, provenienti dai teatri di guerra del Siraq o i flussi migratori attraverso la Libia. Soggetti capaci di sfruttare l’ampia disponibilità di obiettivi “soft target” a elevata vulnerabilità; un vantaggio che si accompagna alla capacità di reperimento di armi da guerra provenienti dal mercato nero e di equipaggiamenti reperibili dal libero mercato.
Azioni di questo tipo, come abbiamo visto, sono in grado di indurre all’emulazione e stimolare la volontà di soggetti autonomi e non organizzati che si sono recentemente imposti all’attenzione mediatica (i lone-wolf, “lupi solitari” o terroristi autoctoni/homemade) [2].
Un passaggio evolutivo che porterà inevitabilmente a un aumento delle conflittualità intra-sociali tra la comunità ospitante, quella autoctona europea, e quella ospitata, rappresentata, da un lato, dai soggetti musulmani auto-marginalizzati, di seconda-terza generazione, e, dall’altro lato, da una componente dei soggetti cosiddetti “migranti”; una situazione che, nel complesso, porterà in tempi relativamente brevi verso un aumento del conflitto etnico nelle nostre città, in particolare le aree periferiche.

di Claudio Bertolotti - 25 luglio 2016
fonte:  
Claudio Bertolotti è Ph.D, Senior Researcher – Indipendent Strategic Analyst, CEMRES – “5+5 Defence Initiative”, CeMiSS – Military Center for Strategic Studies, Italian MoD, ITSTIME – Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies.

[2] C. Bertolotti, “Commando suicidi”: dopo gli attacchi di Parigi, l’Italia è a rischio? Analisi della minaccia del “Nuovo Terrorismo Insurrezionale”, in “Confini e Conflitti. Il ritorno della Geopolitica” – Speciale Terrorismo: il 13 novembre 2015 è un nuovo 11 settembre?”, Centro Militare di Studi Strategici (CASD-CeMiSS), Ministero della Difesa, Roma, febbraio 2016, pp. 161-170.
Photo credits: Picture-Alliance/DPA/F. P. Tschauner