Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email all'indirizzo edomed94@gmail.com Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

09/07/14

MODIFICA AD UN ARTICOLO COSTITUZIONALE - IL 117




MODIFICA AD UN ARTICOLO COSTITUZIONALE - IL  117 - Agorà News on Line
Leggo su ANSA che la Commissione Affari Costituzionali dello Stato ha approvato l'emendamento che modifica l'art. 117 della COSTITUZIONE
Ora io mi domando solo: " hanno fatto la procedura prevista dall'art. 138?"  oppure fanno e disfanno le leggi fregandosene della COSTITUZIONE fino a questo punto?  l'art. 138 che volevano modificare non è stato toccato, per cui l'iter rimane lo stesso per cambiare le leggi che appartengono alla COSTITUZIONE ITALIANA.
per capire:

Articolo 138

       Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione [cfr. art. 72 c.4].
       Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare [cfr. art. 87 c.6] quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata [cfr. artt. 73 c.187 c.5 ], se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.
       Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.

Articolo 117

La potestà legislativa è esercitata dallo Stato [70 e segg.] e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonchè dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie:
a) politica estera e rapporti internazionali dello Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea;
b) immigrazione;
c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose;
d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi;
e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari; tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; armonizzazione dei bilanci pubblici; perequazione delle risorse finanziarie (1);
f) organi dello Stato e relative leggi elettorali; referendum statali; elezione del Parlamento europeo;
g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali;
h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale;
i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;
l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa;
m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale;
n) norme generali sull'istruzione;
o) previdenza sociale;
p) legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane;
q) dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi internazionale;
r) pesi, misure e determinazione del tempo; coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere dell'ingegno;
s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia; previdenza complementare e integrativa; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato (2).
Spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle decisioni dirette alla formazione degli atti normativi comunitari e provvedono all'attuazione e all'esecuzione degli accordi internazionali e degli atti dell'Unione europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da legge dello Stato, che disciplina le modalità di esercizio del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potestà regolamentare spetta allo Stato nelle materie di legislazione esclusiva, salva delega alle Regioni.
La potestà regolamentare spetta alle Regioni in ogni altra materia.
I Comuni, le Province e le Città metropolitane hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive [3].
La legge regionale ratifica le intese della Regione con altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la Regione può concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali interni ad altro Stato, nei casi e con le forme disciplinati da leggi dello Stato.
--------------------------
(1) Lettera così modificata dalla legge costituzionale 20 aprile 2012 n. 1 («Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale »), le cui disposizioni si applicano a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014 (articolo 6).
(2) Comma così modificato dalla legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 («Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale »), le cui disposizioni si applicano a decorrere dall'esercizio finanziario relativo all'anno 2014 (articolo 6).

questo quello che hanno legiferato da  RAI NEWS
Senato

Riforme: approvato il nuovo Titolo V della Costituzione

Approvato in commissione Affari Costituzionali un emendamento che riscrive l'art. 117 della Carta. Rispetto al ddl del governo aumentano le competenze legislative delle Regioni. Il testo in aula da dopodomani e al voto da martedì prossimo

La Commissione Affari costituzionali del Senato ha approvato un emendamento dei relatori che riscrive l'articolo 117 della Costituzione, quello che definisce le competenze legislative di Stato e Regioni. Rispetto al ddl del governo l'emendamento aumenta le competenze delle Regioni. Era questo uno dei punti dell'accordo della maggioranza con Lega e Forza Italia. Le modifiche approvate riguardano anche altri due articoli dell Carta: il 116 e il 119. Il testo andrà in aula da dopodomani e al voto da martedì prossimo. 

Autonomia delle Regioni su giustizia, pace, istruzione, ambiente ma con il vincolo di bilancio
L'articolo 116, approvato nella seduta della mattina, prevedeva che le Regioni potessero chiedere autonomia in alcune materie come l'organizzazione della giustizia di pace, l'istruzione e la tutela dell'ambiente dell'ecosistema e dei beni culturali con un'intesa con lo Stato. Nel testo base del governo si pensava di sopprimere totalmente questa possibilità, riducendo di fatto il potere delle Regioni. Con un emendamento presentato dai relatori, a seguito dell'accordo politico tra maggioranza e Lega, questa possibilità è rientrata in Costituzione con l'introduzione però di un vincolo di bilancio. Ossia l'autonomia in quelle materie può essere affidata alla Regioni "purchè sia in condizione di equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio".

Aumenta il potere legislativo delle Regioni
L'articolo 117 della Costituzione riguarda la potestà legislativa. La modifica introdotta sopprime totalmente la legislazione concorrente tra Stato e Regioni e lascia agli enti locali il potere di legiferare su "pianificazione del territorio regionale, mobilità al suo interno, dotazione infrastrutturale, programmazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali, promozione dello sviluppo economico locale e organizzazione in ambito dei servizi alle imprese e in materia di servizi scolastici, istruzione e formazione professionale, promozione del diritto allo studio, anche universitario, di disciplina, per quanto di interesse regionale, delle attività culturali, della valorizzazione dei beni ambientali e paesaggistici, di valorizzazione e organizzazione regionale del turismo, di regolazione, sulla base di apposite intese concluse in ambito regionale, delle relazioni finanziarie tra gli enti territoriali della Regione per il rispetto degli obiettivi programmatici regionali locali di finanza pubblica, nonchè in ogni materia non espressamente riservata alla competenza dello Stato".
 
- See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Riforme-approvato-nuovo-Titolo-V-della-Costituzione-4155dc75-7c7c-47f6-8942-88756fc971b9.html#sthash.Px7ooC6R.dpuf

Io non sto giudicando se sia giusto o sbagliato questo cambiamento perchè me lo devo studiare ancora, ma quello che mi SPAVENTA è che questo GOVERNO ILLEGITTIMO, fa e disfà tutto andando contro alle leggi COSTITUZIONALI !  E di questo che ne pensa LA CORTE COSTITUZIONALE?

Emanuela Rocca - 8 luglio 2014

fonte: http://www.agoranewsonline.com

La Rai a Gerusalemme, Dilettanti per caso e amici politici


Nel dare notizie della follia Rai su Gerusalemme avevamo omesso il nome del candidato. Sua sola colpa presunta, il suo non sapere nulla di Gerusalemme e Medio Oriente. Scoperta successiva, il giornalista sa però molto su Fini nella sua avventura di Futuro e Libertà. Dilettanti solo per caso?
Ripensamento giornalistico per eccesso di serietà. Mai mettere alla berlina qualcuno se non necessario. E ieri la questione Rai Gerusalemme sembrava un semplice caso di “Mala gestione”. Ora spunta la politica e la cosa si fa sospetta. Quindi il nome si impone. Gian Stefano Spoto, giornalista, in Rai dopo molte triangolazioni, ha una accelerata carriera tra Bologna e Roma. Il Medio Oriente non compare sulla rotta. Ad evitare sgarbate ironie ecco come si racconta su Twitter: “Giornalista Rai, scrittore, autore televisivo, fotografo. Musicista pessimo, ma appassionato”. Poliedrico.

Spoto spettacolo stretta 800

Israeliani e palestinesi già fremono per l’attesa di una sua “Jam session” appassionata. Che c’entra Spoto col Medio Oriente? Provate ad indovinarlo. Il candidato Spoto così si presenta: “Già vicedirettore di Rai 2 e attualmente vice direttore di Rai International”. Non fu per molto tempo ma fu carriera. Da Eidos comunication apprendiamo che prima, nel 1994 è capo redattore a Bologna. Nel 1996 è capo della cronaca del TG2. Nel 1998 è dirigente di Raiuno. Dal 2000 è conduttore di Linea Verde di cui ha ideato e condotto la rubrica ‘Cani e gatti’. Premonizione israelo palestinese?

Nessuna facile speculazione sul suo percorso in Rai. Ma quali sono gli elementi professionali che hanno portato -ormai è certo- qualcuno al settimo piano di viale Mazzini a dare il via alla folle candidatura per Gerusalemme? Solo fonti di Spoto: forse perché da Tuzla, Bosnia, non lontano da Sarajevo e a guerra finita, manda in onda per una settimana, in diretta, il telegiornale dell’Emilia-Romagna? O forse per essere stato una volta in Romania post Ceausescu o nelle favelas do Brazil? No. La volta nel Marocco di Re Hassan II, è la traccia mediorientale scoperta dal segugio Gubitosi!

capire Isra 600 senza scritte

Ora fine degli scherzi. Nulla di personale contro Spoto, ma molto contro una nomina che getta discredito sulla Rai e che offende le complessità sofferenti di Gerusalemme. Forse il caso non è di competenza del Consiglio di amministrazione ma la questione morale che emerge lo è di certo. Se non c’è sponsorizzazione politica, contro certe inavvedute proposte professionali troveremo tutto il Consiglio. Poi un appello privato ai consiglieri della sinistra dalle alte idealità e dai bassissimi toni, allo stimato magistrato Colombo e alla giovane figlia del collega Tobagi: se ci siete date un colpo.

8 luglio 2014

fonte: http://www.remocontro.it